Articoli con tag “Comunicato

Comunicato in risposta all’articolo di Andrea Cittadini

giornalista_aguzza_la_vista1

Scarica il comunicato nel formato PDF

Scarica l’articolo di Andrea Cittadini

Scarica la risposta di Diego Piccinelli nel formato PDF

“Se non fate attenzione, i media vi faranno odiare le persone che vengono oppresse e amare gli oppressori” (Malcom X)

La notizia, da cui prende spunto l’articolo firmato da Andrea Cittadini, pubblicato in data 12/2/2017 sul Giornale di Brescia, è una e una sola.

Il Consiglio dei Ministri, in settimana, su proposta del ministro dell’Interno Marco Minniti, ha approvato un decreto che realizza un patto tra prefetto e sindaci.

(altro…)


Brescia 1911 vs Perugia 2016/2017: le prime foto

bs_perugia16_17_foto5_vectorized

Leggi il Comunicato: “Marchio sì, marchio no: questo è il dilemma”

Scarica il comunicato: “Marchio sì, marchio no: questo è il dilemma” nel formato PDF

Scarica il volantino scritto e distribuito prima di “Brescia vs Triestina – Campionato 2005/2006”

Visualizza le foto di “Brescia 1911 vs Perugia 2016/2017

Presto il video


Comunicato – Marchio sì, marchio no: questo è il dilemma

bs_triestina_volantino

bs_triestina_volantino_striscione

bs_bari15_16_sito15

Scarica il comunicato nel formato PDF

Scarica il volantino scritto e distribuito prima di “Brescia vs Triestina – Campionato 2005/2006”

Marchio sì, marchio no: questo è il dilemma

In questi giorni si è acceso (giustamente) il dibattito relativo alla cessione del nostro marchio.

Prima di piangersi addosso o lanciare accuse, però, suggeriamo a tutti di fare un tuffo nel passato e -magari- una piccola riflessione.

Infatti, per quanto spiacevole e inquietante, quello del marchio è solo uno dei tanti episodi che hanno caratterizzato la -troppo- lunga gestione della famiglia Corioni (sostenuta dai più fino all’ultimo, non dimentichiamolo!).

(altro…)


Brescia 1911 vs Avellino 2014/2015: le prime foto e il comunicato sugli striscioni censurati

bs_avellino14_15_collage

Visualizza le prime foto di “Brescia 1911 vs Avellino” 2014/2015 (per le foto dal campo si ringrazia Francesco Caltagirone)

Scarica il comunicato sulla censura degli striscioni nel formato PDF

Visualizza il servizio di “Brescia 1911 vs Avellino” 2014/2015 realizzato da Dodicesimo in Campo

Leggi il resoconto di  Brescia 1911 vs Avellino 2014/2015

Perché no?

Ciclicamente, a Brescia, nel settore che frequentiamo, accadono fatti a dir poco imbarazzanti.

Impossibile riassumerli tutti, ma di certo qualcuno lo vogliamo raccontare.

Ieri, ad esempio, prima di una partita inutile (dal punto di vista calcistico) e a livello zero per quanto riguarda problemi di ordine pubblico, ma pur sempre una partita della Leonessa, sono stati censurati non solo gli striscioni dedicati alla vecchia/nuova società (pur non essendo accettabile, questo è comunque comprensibile, considerata l’intesa dimostrata sul “campo” da Questura/Prefettura/SLO/Brescia Calcio), ma anche quelli ben più importanti dedicati: a un ragazzo scomparso; a un lutto che ha colpito molto da vicino il nostro gruppo; a una bandiera della nostra Terra; ai colori della nostra Maglia.

Per altro, in questa occasione non ci è stata fornita nemmeno una spiegazione plausibile (sia chiaro: piuttosto di quelle imbarazzanti forniteci in altre situazioni similari, meglio il silenzio), se non un perentorio: “Oggi abbiamo deciso che entreranno solamente gli striscioni autorizzati in settimana”.

Certo, le nuove leggi in materia di stadio consentono tutto ciò e molto altro ancora, sinceramente però crediamo che ancora una volta qualcuno sia scivolato molto in basso, magari per troppo zelo, magari per pregiudizio (nei confronti di chi, crediamo sia chiaro).

In un momento in cui in molte città italiane ci sono delle aperture considerevoli nei confronti delle tifoserie organizzate (striscioni del gruppo, megafoni, addirittura tamburi!), quella di ieri ci sembra una decisione non solo iniqua, ma anche anacronistica.

Come sempre però non sta a noi giudicare.

Se però questo è il prezzo da pagare per la nostra Mentalità, lo accettiamo di buon grado (guai se non fosse così); se invece la decisione succitata nasconde qualche intenzione nascosta, qualche altro ricatto istituzionale o -paradossalmente- qualche punizione esemplare, ce ne faremo una ragione.

Avanti Ultras & D. M.

 Ultras Brescia 1911 Ex-Curva Nord


Diego Piccinelli risponde alla Curva Nord Brescia

bs_varese13_14_sito3_vectorizedA seguito del comunicato firmato Curva Nord Brescia (clicca qui per leggerlo), pubblicato su vari siti internet locali e nazionali, Diego Piccinelli, portavoce del Gruppo Brescia 1911 Ex-Curva Nord e marito di Milva Cerveni (Ultras dello stesso gruppo e autrice del lavoro messo in discussione dal comunicato succitato), risponde pubblicamente:

“Sebbene riconosca/sostenga da sempre la potenza comunicativa di siti internet, social network, ecc., non sono solito utilizzare Facebook per esprimere ciò che penso, soprattutto quando devo esprimere un pensiero personale o un’opinione di un certo tipo.

Solitamente, se devo dire qualcosa a qualcuno, lo faccio direttamente, a costo di rimetterci la libertà.

In questo caso, però, mi sento in dovere di rispondere -con le stesse “armi” di chi attacca la mia famiglia- a delle accuse (queste sì vergognose, poiché sono facilmente strumentalizzabili) per difendere una persona che ha avuto il coraggio di mettersi in gioco da sempre e per una giusta causa: quella degli Ultras, a prescindere dal loro colore e dalla loro appartenenza. E tutto questo senza mai cercare il facile applauso e senza godere dei favori di Questura, società e stampa (credo che ormai ciò sia più che evidente).

(altro…)