Articoli con tag “Comunicato

Ritiro 2018 – No al DASPO societario! – Le foto

Visualizza le foto del ritiro a Boario

Leggi il comunicato – Codice etico: c’è chi dice no!

Non potendo assistere a nessuna partita/iniziativa del Brescia Calcio a causa del codice etico/comportamentale/di gradimento applicato dalla società all’abbonamento e al biglietto delle singole partite (comprese le amichevoli!), abbiamo deciso di far sentire il nostro pensiero alla squadra in un giorno feriale.

Così, un venerdì sera qualunque, mentre la città si popolava e si accendeva con la classica movida, una cinquantina di noi raggiungeva Boario terme e “incontrava” la nuova squadra.

(altro…)

Annunci

Comunicato – Codice etico: c’è chi dice no!

Scarica il comunicato contro il Codice Etico nel formato PDF

“Nel momento in cui pubblichiamo questo comunicato, siamo  consapevoli del fatto che nessuno di noi potrà più entrare al Rigamonti, quantomeno come Ultras Brescia 1911.

Nonostante questo, siamo sempre più convinti e orgogliosi di ciò che eravamo, siamo e soprattutto saremo.

Prima di tutto  gli Amici, subito dopo la Dignità Ultras!

Avanti Ultras Sempre!”

Codice etico: c’è chi dice no!

Ancora una volta non ci troviamo a parlare di calcio, di ritiri, di “amichevoli”, di acquisti e di cessioni, di aspettative, di derby, di eterne illusioni.

Ancora una volta ci troviamo a riflettere di provvedimenti insensati che limitano ulteriormente la nostra sacrosanta Libertà -di per sé già molto limitata- e compromettono la nostra dignità.

L’anno scorso, fra lo stupore generale, grazie al protocollo d’intesa siglato dal Ministro degli Interni, dal ministro per lo Sport, dalla FIGC e dalle varie Leghe (e dietro alcuni “suggerimenti” arrivati da diversi gruppi Ultras) era stato fatto un deciso passo avanti rispetto agli ultimi dieci anni (circa) di calcio “giocato” sugli spalti, per tante ragioni i peggiori in assoluto per lo sport più bello e amato del mondo.

Un periodo scandito da tessere inutili, dannose e dispendiose, divieti vessatori, strumenti repressivi e utili al controllo di massa, fallimenti, meccanismi perversi, ripescaggi e provvedimenti controproducenti.

Gli stadi italiani si erano di fatto svuotati (di tifosi “moderati”, famiglie e giovani in particolare, ma anche di principi e di valori).

Questo proprio a causa di una politica anti-sociale caratterizzata da logiche economiche/repressive, e non certo per la violenza degli Ultras, decimati e impossibilitati perfino a esprimere la propria opinione, alla faccia della tanto decantata Costituzione.

Perfino i fautori della tessera del tifoso a un certo punto avevano dovuto alzare bandiera bianca tornando sui propri passi.

(altro…)


Comunicato: “Solo Brescia! Brescia e basta!”

Scarica il comunicato “Solo Brescia! Brescia e basta!” nel formato PDF

Solo Brescia! Brescia e basta!

Nel nostro mondo a volte succedono cose anche gravi che necessitano una risposta immediata.

Se si lasciasse sempre correre, senza mai rispondere, il rischio sarebbe di vedere certi fatti strumentalizzati e manipolati ad arte da stampa, società, Questura, e infine dai nostri nemici (non necessariamente Ultras).

Riguardo, ad esempio, all’inserto apparso ieri su un noto quotidiano locale, nel tentativo di rimediare a un errore grottesco e imperdonabile, lo stesso giornale ne ha fatto un altro altrettanto grave.

Infatti, non solo ha resuscitato il vecchio, patetico Mazzone, ma l’ha fatto passare per l’ennesima volta come un eroe di carattere locale, mentendo spudoratamente ai tifosi bresciani, soprattutto a quelli che non hanno vissuto in prima linea la sua era (alla fine fu congedato, non dimentichiamolo, in malo modo da tutti!).

(altro…)


Contestazione: “Tutti a Bari? Magari!” – Le foto

Scarica il comunicato “Tutti a Bari? Magari!” nel formato PDF

Visualizza le foto della contestazione fatta sotto la sede del Brescia Calcio


Comunicato: “Tutti a Bari? Magari!”

Scarica il comunicato “Tutti a Bari? Magari!” nel formato PDF

Visualizza le foto della contestazione fatta sotto la sede del Brescia Calcio

Tutti a Bari? Magari!

Cronaca di una trasferta annunciata… e mai realizzata

Mentre il “nostro” presidente si impegna in maniera magistrale nel gettare scompiglio fra le fila, nel destabilizzare l’ambiente, nel delegittimare l’allenatore -o gli allenatori, nel buttarla in caciara e perfino in scaramanzia, nel cercare di cambiare la nostra storia, nel farneticare di ipotetiche violenze, di capitani mancati, e di obiettivi ridimensionati, la tifoseria (o almeno una sua parte) riceve l’ennesimo schiaffo  -morale- tra l’indifferenza generale.

Dopo le pesanti e ingiuste diffide di Foggia e il divieto per la trasferta di Perugia (che hanno toccato tutta la tifoseria, bisogna dirlo), arriva puntuale pure il veto -ai non tesserati- per la trasferta di Bari.

(altro…)