Ultima

Mai un passo indietro…

…avanti Ultras!

Sito in costruzione e… in costante evoluzione!

Per qualsiasi suggerimento, per segnalarci eventuali errori, per aiutarci nella ricerca di foto, filmati e documenti utili alla causa, per criticarci, insultarci o solamente per scambiare qualche riflessione, contattateci senza scrupolo.
Per tutto il resto consulta il vecchio sito (clicca qui).
P.S. Si prega di non utilizzare le foto e il materiale contenuto nel sito per fini commerciali. Il tifo è passione, non speculazione…

Procediamo a piccoli passi, ma non ci fermeremo mai… Forza ragazzi!

Comunicato: “Sciacallo!”

Scarica qui il comunicato “Sciacallo!” nel formato PDF

Sciacallo!

Chiariamo subito alcune cose: siamo un gruppo apolitico, e lo abbiamo sempre dimostrato; per la causa del nostro mondo a volte ci siamo confrontati con rappresentanti politici del Parlamento italiano, senza distinzione, a patto che fossero davvero interessati alle ragioni dei tifosi, e non in cerca di voti facili; non abbiamo mai dato il nostro endorsement a nessuno, e non abbiamo mai fatto campagna elettorale per nessuno; in passato abbiamo perfino rifiutato importanti aiuti economici in cambio di voti, questo per Mentalità e per mantenere la nostra indipendenza di giudizio e di azione; non abbiamo mai chiesto a nessun politico di difenderci o di farsi portavoce delle nostre intenzioni; riteniamo alcuni sedicenti “rappresentanti degli italiani” presenti oggi in Parlamento degli sciacalli, piuttosto che dei politici attenti e responsabili; non avremmo mai voluto parlare di politica o di politici in un nostro comunicato, ma viste le ultime dichiarazioni di uno di questi sciacalli, siamo costretti a farlo.

Sciacallo 1 – Nei giorni scorsi, colui che non nominiamo, ma che da oggi in poi chiameremo Sciacallo, per ragioni meschine e stomachevoli (caratteristiche ormai di tanti politici italiani simili a lui), ha citato i morti di Brescia e di Bergamo, attribuendogli “pensieri” e intenzioni utili più che altro alla propria causa (che come ci sembra di capire di nobile ha ben poco), piuttosto che a quella dei cittadini italiani. Leggi il resto di questa pagina »

Comunicato: #iotorneròallostadio – Parte 2^ – “Don Cellino della Mancia”

Scarica qui il comunicato “Don Cellino della Mancia” nel formato PDF

Scarica qui il comunicato: <<Il (nostro) calcio ai tempi del “coronavirus”>> nel formato PDF

#iotorneròallostadio – Parte 2^

Non puoi fermare il vento, ma devi sapere come fabbricare mulini…

Don Cellino della Mancia

<<Mi vuoi dire, caro Sancho, che dovrei tirarmi indietro perché il “male” ed il “potere” hanno un aspetto così tetro? Dovrei anche rinunciare ad un po’ di dignità, farmi umile e accettare che sia questa la realtà? Il potere è l’immondizia della storia degli umani e, anche se siamo soltanto due romantici rottami, sputeremo il cuore in faccia all’ingiustizia giorno e notte: siamo i “Grandi della Mancha”, Don Chisciotte e Sancho Panza!>>

Cellino Superstar! – Sembra che il presidente del Brescia non si voglia smentire; infatti, da qualche settimana sta sparando cazzate a raffica, costringendoci così a parlare di calcio in un momento in cui vorremmo pensare a tutto tranne che… al calcio.

Così, dopo aver dichiarato -con molta baldanza- che non avrebbe accettato alcuna condizione “inaccettabile” dall’alto, a costo di perdere tutti gli incontri a tavolino e di ritirare la squadra dal campionato, che ci vede -non lo dimentichiamo- desolatamente ultimi in classifica, ha cambiato presto idea (del resto non ci vuole molto per convincerlo, lo sappiamo a nostre spese).

Perché ricominciare ora sarebbe uno sfregio alla città e ai suoi morti, bla, bla, bla…”, diceva fino a pochi giorni fa.

Leggi il resto di questa pagina »

Comunicato: #iotorneròallostadio – Parte 1^ – Il (nostro) calcio ai tempi del “coronavirus”

Scarica qui il comunicato: <<Il (nostro) calcio ai tempi del “coronavirus”>> nel formato PDF

Scarica qui il comunicato “Don Cellino della Mancia” nel formato PDF

Il (nostro) calcio ai tempi del “coronavirus”

#iotorneròallostadio – Parte 1^

Restiamo umani 1 – Mentre il calcio e lo sport in generale si interrogano sul proprio futuro, i tifosi/cittadini (soprattutto quelli di Brescia, Bergamo e di gran parte del Nord Italia) continuano a patire la situazione drammatica generata dal coronavirus, e soprattutto continuano a impegnarsi concretamente per aiutare chi sta cercando di sconfiggerlo.

In queste settimane di “coprifuoco”, sono stati molti -forse troppi- gli appelli che abbiamo sentito, in particolare quelli di personaggi famosi dello spettacolo e dello sport (per non parlare di dirette TV/social, di video, di flash mob, di testimonianze insopportabili, e naturalmente di catene di Sant’Antonio, quasi che tutto questo potesse scongiurare un nemico che di trascendentale ha ben poco).

Oltre a dirci cosa si deve -o non si deve- fare, con questi inviti si chiede spesso un contributo -soprattutto economico- per la Protezione Civile, per gli Ospedali, per le Associazioni, in pratica per tutte quelle realtà che in questo periodo sono sovraesposte -e spesso abbandonate a sé stesse.

Tutto giusto e tutto molto toccante, se non fosse che oggi, più che di appelli e di esortazioni, c’è ancora bisogno di aiuti concreti, soprattutto da chi ha possibilità sicuramente maggiori di noi comuni mortali.

Già ci sembra paradossale che a sostenere economicamente queste realtà debbano essere sempre e comunque i privati cittadini; ci mancavano poi gli appelli di chi -con ogni probabilità- pensa di mettersi la coscienza in pace a suon di chiacchiere (purtroppo, in Italia è molto diffusa questa tendenza, in particolare fra gli artisti e gli sportivi famosi, che a volte, per partecipare a eventi di beneficenza, chiedono perfino dei lauti compensi).

Francamente riflettiamo…

Restiamo umani 2 – Più di un mese fa, quando molti pensavano ancora che il coronavirus fosse frutto di esagerazioni e fraintendimenti, mentre i “nostri” presidenti litigavano per una stagione ormai priva di senso, attraverso un comunicato pubblico noi dichiaravamo la fine del campionato e -allo stesso tempo- chiedevamo un contributo concreto a chi aveva ricevuto dai propri tifosi, dalle televisioni e dagli sponsor: onori, gloria e -in particolare- denaro. Leggi il resto di questa pagina »