Articoli con tag “Centodieci

Nuova Maglia “Brescia Leonessa d’Italia – 110”

Visualizza il resto del materiale

Come tutti saprete, in questi giorni si celebrano le Dieci Giornate di Brescia.

Questa però non è l’unica ricorrenza importante per la nostra amata città; infatti quest’anno si festeggiano anche i centodieci anni della Leonessa biancoblù.

Oltretutto oggi c’è un motivo in più per dare spazio a questi ricordi, fino a ieri appannaggio di pochi bresciani (a costo di sembrare presuntuosi, rivendichiamo una parte di merito nell’avere saputo richiamare l’attenzione dei cittadini/tifosi bresciani rispetto ad alcuni traguardi, alcune ricorrenze e tradizioni della nostra Terra, altrimenti dimenticate o addirittura ignorate dalla massa).

Il motivo è di carattere calcistico, o meglio: extra-calcistico, visto che riguarda la sfera del nostro carattere e della nostra cultura.

Stiamo parlando infatti di una delle tante “infelici” battute del nostro “amato” presidente, che di recente ha definito i bresciani: “gente abituata alla mediocrità… che non conosce il senso dell’ospitalità e della gratitudine…”. 

Ora, ci spiace non soddisfare il target del Presidente Massimo, ma sinceramente ce ne faremo una ragione, aspettando che se ne vada al più presto, magari dopo avere comprato convintamente il Birmingham (e questo, lo sapete bene tutti, lo diciamo al di là dei risultati, della classifica, della categoria, e soprattutto del fatto che ci sia o meno un altro imprenditore interessato al Brescia). 

Per questo -e per molto altro- abbiamo deciso di dedicare la nuova Maglia del gruppo proprio a Cellino.

Una “semplice” t-shirt che ha l’intenzione di rappresentare il vero spirito dei bresciani, che si sono elevati spesso grazie al loro coraggio, alla loro solidarietà, e alla loro umanità.

Non potendo celebrare queste importanti e storiche ricorrenze allo stadio -o pubblicamente, come del resto facciamo da almeno vent’anni, abbiamo deciso di farlo -appunto- attraverso una Maglia commemorativa.

Brescia la Forte… Brescia la Ferrea… Brescia Leonessa d’Italia!


Nuova sciarpa Ultras Brescia 1911 – Gennaio 2021

Visualizza il resto del materiale

Centodieci: per molti, ma non per tutti!

A parte Cellino, che se ne frega altamente di simboli, tradizioni e ricorrenze, tutti sanno che quest’anno il nostro amato Brescia compirà centodieci anni.

Per questo, come ogni anno e nonostante la situazione molto precaria (non solo a livello calcistico), celebriamo questo storico traguardo con una sciarpa commemorativa.

Certo, restando nell’ambito sportivo, a livello di classifica e di prestazioni ci sarebbe poco da festeggiare, con una società letteralmente allo sbando e in balia di un uomo sempre più solo e confuso (ve l’abbiamo già detto che qualcuno è arrivato a rimpiangere perfino Corioni?).

La storia però va onorata sempre, a prescindere da chi rappresenta temporaneamente la nostra società.

Gli allenatori, i calciatori, e soprattutto i cattivi presidenti infatti passano (anche se per qualcuno ci vorrebbe una bella spintarella!); mentre i nostri ricordi, le nostre passioni, i nostri colori sopravvivono a tutto e a tutti, e saranno tramandati ai nostri figli per sempre (e questa non è retorica!).

A modo nostro, con la nuova sciarpa abbiamo cercato -appunto- di esprimere tutti questi concetti.

Ci auguriamo di esserci riusciti e -soprattutto- speriamo che vi piaccia.

E a chi avrà la fortuna e l’onore di possederla, chiediamo come sempre di indossarla, sudarla e consumarla, proprio come fosse la Maglia da gioco.

Per ultimo, vogliamo rispondere a chi ci chiede di prendere una posizione riguardo alle ultime prestazioni della squadra e -in particolare- riguardo alle scelte del presidente.

Presto fatto: noi una posizione l’abbiamo presa in tempi non sospetti, proprio quando sarebbe stato preferibile -per ovvie ragioni- assecondare Cellino (e non contestarlo come abbiamo fatto).

Come avevamo già fatto con la famiglia C., infatti, abbiamo preferito denunciare la sua arroganza e tutte le sue deficienze (che oggi purtroppo stanno dando dei frutti molto amari), e per questo siamo stati esclusi dal gioco (per chi l’avesse dimenticato, l’anno scorso siamo stati costretti a saltare tutte le partite più affascinanti e sentite a causa della sua incapacità, della sua ingordigia e della sua superbia).

Abbiamo cercato in tutti i modi di aprire gli occhi ai tifosi e ai giornalisti; oggi -purtroppo- i fatti ci stanno solo dando ragione.

Ci resta sempre la speranza di una protesta comune che potrebbe essere utile -quantomeno- ad arginare tutta la strafottenza e l’ignoranza di chi -alla fine- sta mostrando la sua vera faccia.

E se non bastassero tutte le puttanate che ha fatto durante l’ultimo campionato di Serie A per cogliere le sue incapacità, ci piacerebbe far notare l’unica vera qualità mostrata da questo uomo: quella cioè di fare disinnamorare -e quindi allontanare- i tifosi bresciani dalla propria passione, e questo in un momento storico in cui ogni ragione di vita è utile per sopportare il peso di questa emergenza.

Avanti Brescia Sempre!