Archivio dell'autore

Parma vs Brescia 1911 – Campionato 2019/2020: le prime foto

Visualizza le foto di “Parma vs Brescia 1911 – Campionato 2019/2020”


Brescia 1911 vs Sassuolo – Campionato 2019/2020: le prime foto

Visualizza le foto di “Brescia 1911 vs Sassuolo – Campionato 2019/2020”


Brescia 1911 vs Atalanta – Campionato 2019/2020: le prime foto

Visualizza le foto di “Brescia 1911 vs Atalanta – Campionato 2019/2020”


Immagine

Il derby della follia – Quarta parte


Comunicato: “Il derby della follia – Terza parte”

Scarica qui il comunicato “Il derby della follia – Terza parte” nel formato PDF

Scarica qui il comunicato “Il derby della follia – Seconda parte” nel formato PDF

Guarda qui il video: “Il derby della follia – Prima parte”

Il derby della follia – Terza parte

Prima di tutto una cosa: nessuno di noi avrebbe mai pensato -e soprattutto voluto- scrivere una terza parte di questa storia a dir poco… grottesca, inverosimile e pazzesca, ma tant’è…

Oggi infatti scopriamo di non essere più in una fase embrionale di una degenerazione morale, sportiva e perfino umana, ma di essere giunti infine alla follia pura, netta e indiscutibile.

Perciò, alle 7.30 di mattina, poco prima di recarci al lavoro, non ci resta che scrivere l’ennesimo capitolo, sperando sia quello risolutivo.

Innanzitutto, a quest’ora del giorno, e dopo l’ultima “trovata” della società attuata nella speranza di rimediare a errori tanto madornali quanto irrispettosi, fare tutte le considerazioni del caso sarebbe impossibile.

È già difficile metabolizzare il comunicato apparso magicamente sul sito del Brescia FC stanotte (e riportato “fedelmente” dai quotidiani locali nonostante la comunicazione fuori tempo massimo), che ai più sembrerebbe un pesce d’aprile fuori stagione.

A memoria, infatti, non era mai capitato che una società di calcio (oltretutto di serie A) aderisse così sfacciatamente alla giornata dello shopping mondiale per svendere qualche biglietto in più (a dimostrazione di come sia considerata la nostra passione dalla società: un puro business), e che il “Presidente Massimo” facesse un dietrofont così clamoroso e soprattutto tardivo, dando ragione -forse per la prima volta nella sua storia- a chi lo incalzava in tempi non sospetti.

Perfino chi ha sempre difeso Cellino a spada tratta ormai concorda con noi, e ammette che il “Presidente Massimo” è sprofondato nella confusione più totale.

(altro…)